Ok da Bruxelles al Marebonus italiano: in arrivo 125 milioni in 5 anni

  • Home
  • Ok da Bruxelles al Marebonus italiano: in arrivo 125 milioni in 5 anni

Ok da Bruxelles al Marebonus italiano: in arrivo 125 milioni in 5 anni

La Commissione europea ha ufficialmente approvato il finanziamento pubblico italiano al trasporto combinato strada-mare, il cosiddetto Marebonus, pensato per incoraggiare il trasporto merci a passare dal «tutto-strada» allo «strada-mare» a corto raggio. Si tratta di 125 milioni di euro complessivi, erogati per il quinquennio 2023-2027. Il piano prevede l’erogazione di contributi alle imprese di autotrasporto che imbarcano camion o unità di carico su navi ro-ro che collegano un porto italiano a qualsiasi altro scalo dello Spazio Economico Europeo, con un limite di 0,30 centesimi di euro per veicolo-chilometro.

L’obiettivo della misura, come è noto, è quello ridurre l’impatto ambientale, sanitario e sociale del traffico stradale e la congestione delle infrastrutture stradali, in linea con gli obiettivi della strategia Ue per la mobilità sostenibile e e del Green deal.

Soddisfazioni sono state espresse da più parti della filiera dell’autotrasporto. Paolo Uggè, presidente di Fai-Conftrasporto-Confcommercio, ha sottolineato come «la Commissione europea abbia compiuto un passo importante a favore dell’intermodalità», plaudendo al «forte impegno del ministro Salvini» e ricordando che ora «si aprirà il confronto tecnico con il dicastero dei Trasporti per concordare le modalità di utilizzo, in base all’accordo stipulato e previsto nel protocollo di intesa a suo tempo sottoscritto».

Anche Confitarma si è dichiarata soddisfatta, pur sottolineando come i fondi destinati a questo incentivo ambientale potevano essere di più. «Siamo soddisfatti che l’Ue abbia approvato lo schema di Regolamento – ha affermato il presidente Mario Mattioli – ma riteniamo anche che i fondi destinati a questo importante incentivo ambientale siano insufficienti per assicurarne la piena efficacia. Nonostante i vantaggi ambientali riconosciuti da ENEA e Governo al precedente Marebonus e nonostante il fatto che lo stesso Marebonus sia stato dieci volte più efficiente del Superbonus edilizio al 110%, le risorse stanziate per il nuovo incentivo sono state ridotte della metà».

Sulla stessa lunghezza d’onda il presidente di Alis, Guido Grimaldi: «La notizia è positiva perché va nella direzione da noi auspicata del riconoscimento dell’importanza dell’intermodalità e perché attendiamo da tempo il nuovo Regolamento dell’incentivo Marebonus per le prossime annualità. Riteniamo però che i 125 milioni approvati in 5 anni, ovvero 25 milioni annui, non siano sufficienti per una misura virtuosa come il Marebonus, per la quale sarebbe auspicabile uno stanziamento di 100 milioni annui». 

The post Ok da Bruxelles al Marebonus italiano: in arrivo 125 milioni in 5 anni appeared first on Uomini e Trasporti.

  • Condividi

feed esterno

a-frame amazon armadio frigorifero modulare asrs autostore b2b omnia frigo Barriere di sicurezza pedonali bin to picker caroselli orizzontali Casco da lavoro bluetooth Casco di Protezione Bluetooth condizionatori gestionale di magazzino ispezioni scaffalature con droni lavaggio contenitori industriali logistica del freddo notizie aziende notizie fiere notizie logistica Ottimizzazione logistica pallet per spedizione picker to goods picking picking e placing Porte frigorifere in acrilico preparare più ordini proiettore per segnaletica refrigera robot per la logistica Robot per magazzino shelf to picker sicurezza SICUREZZA E VISUAL MANAGEMENT sistema a shuttle per il magazzino Sistemi di stoccaggio e recupero automatico sistemi edge refrigerazione Software ottimizzazione ultimo miglio Software ottimizzazione last mile Software per ecommerce B2B Software ultimo miglio Transpallet Elettrico Semiautomatico unmanned store v-frame Visual management WMS per l'industria della moda